venerdì 21 febbraio 2020

maschiaccio e femminuccia


questo è il catalogo delle novità di luglio e settembre di einaudi ragazzi. l'editore che pubblica rodari, per intenderci.
quelle che vedete qui sopra sono la pagina 2 e 3 di quel catalogo: a luglio uscirà il mio primo romanzo per bambini dal titolo "maschiaccio e femminuccia".

è un libro su quanto sia difficile essere se stessi quando tutti gli altri ti vorrebbero in un altro modo. le amiche di caterina vorrebbero che smettesse di fare il maschiaccio, di giocare al calcio e stampare i suoi supereroi in 3d.
riccardo vorrebbe poter dedicarsi al suo hobby alla luce del sole invece che di nascosto, in cantina. gli piace intrecciare braccialetti e sa che se i suoi compagni lo venissero a sapere gli direbbero che è una femminuccia.

non potete immaginare quanto fossi felice, emozionata e grata, ieri, mentre lo presentavo alla rete libraria.

[ieri è stata la giornata più felice e fortunata che ricordi. è andato tutto meglio di quanto potessi sperare, sognare o desiderare: ho parlato di libri con persone stupende, appassionate, brillanti, ho incontrato amici che non vedevo da troppo tempo e ho fatto la mia prima comparsa da "autrice di punta einaudi". se è un sogno non svegliatemi.]

domenica 26 gennaio 2020

siam tre piccoli nipotin

ormai è chiaro che quando distribuivano l'orologio biologico ero in fila per i muffin, tuttavia anche se non sono mamma, sono zia di tre. eccoli qui di seguito descritti

il dormiglione: ha due mesi e fa nove ore di sonno notturno filato. sua madre si chiede come faccia, un bambino così piccolo, a sapere che dormire la notte è il modo migliore per farsi amare alla follia, persino di più di quanto non lo si amerebbe comunque. [nota del traduttore: le parole originali erano un po' diverse, qualcosa come: "chissà come ha fatto a capire già il concetto di notte e associarlo all'idea di sonno"]

il teppista plusdotato: ha quattro anni e mezzo e se gli dici non toccare, non fare, ti fai male. lui immancabilmente fa, tocca e si fa male. poi viene da te con gli occhioni da cane per chiedere scusa, e tu non puoi non amarlo alla follia. è sfacciato, incosciente, vivacissimo.
a quattro anni e mezzo sa già leggere e fare conti come un bambino di prima elementare, gioca tranquillamente a giochi che sulla scatola sono indicati per bambini con più di otto anni. ricompone in autonomia, in brevissimo tempo, puzzle da 150 pezzi.

la ballerina da carillon: ha sette anni ed è la sorella maggiore del teppista. la prima cosa che tutti immancabilmente le dicono è "come sei bella". se le dici non gridare, non correre, non sudare lei non grida, non corre e non suda. ha un carattere opposto a quello del fratello: è timida e dimessa. sta lì, chiusa nella sua scatola, come una ballerina da carillon. ogni tanto si anima, le si illuminano gli occhi e la voce, come se qualcuno avesse aperto il carillon e fosse iniziata la musica su cui non può far altro che ballare. e allora non puoi che amare alla follia anche lei.

martedì 31 dicembre 2019

#sfangarla 2019


come da tradizione l'ultimo dell'anno c'è il post sfangarla, per il settimo anno consecutivo.

  • anche quest'anno ho scritto: meno del solito sul blog, ma forse un romanzo decente 
  • anche quest'anno i libri hanno avuto un ruolo determinante: ne ho letti a decine, ma ne ho anche ascoltati moltissimi (a questo link il mio anno di libri se volete qualche suggerimento: https://www.goodreads.com/user/year_in_books/2019/4813233 ) 
  • anche quest'anno ho corso: molto meno dell'anno scorso (perché ha fatto molto caldo d'estate, ha piovuto molto in autunno e io ne ho approfittato per impigrirmi)
  • anche quest'anno sono stata molto da sola: quasi sempre per scelta
  • anche quest'anno non ho mai usato il ferro da stiro (anche se mi sento ancora in colpa per non aver stirato la camicia del matematico con cui ha sostenuto l'esame di dottorato nel 2010) 
  • anche quest'anno ho visto alcune serie tv: le mie preferite frozen planet e planet earth
  • anche quest'anno ho preferito dormire: all'avere un figlio, all'uscire la sera 
  • anche quest'anno ho camminato, sono andata al cinema, a teatro, a cena fuori, a mangiare un gelato 
  • anche quest'anno ho guardato il bagno di casa mia, lercio, e ho pensato che mia madre sarebbe inorridita (poi ho scoperto l'acido citrico, e almeno l'annoso problema calcare sul fondo del water è stato risolto)
  • anche quest'anno ho sfornato: pizze e dolcini con gran soddisfazione, a volte con i miei due nipotini biondi - che quest'anno sono diventati tre. anche se l'ultimo non sa ancora sfornare.
  • anche quest'anno non ho sentito il ticchettio dell'orologio biologico
  • anche quest'anno la mia scrittura non mi ha portato dove volevo, ma comunque mi ha portato avanti
  • anche quest'anno non sono riuscita a cambiare lavoro
  • anche quest'anno non sono riuscita a perdonare mio padre
  • anche quest'anno non ho vinto 8x8, il concorso per racconti cui partecipo da cinque anni consecutivi
  • anche quest'anno sono sopravvissuta a me stessa. ed è stato abbastanza facile
se vi va, sfangate anche voi nei commenti. buon 2020 a tutti.

mercoledì 27 novembre 2019

audiolibri e storytel



negli ultimi due mesi mi sono drogata di audiolibri.
all'inizio ascoltavo qualche podcast qua e là, soprattutto quelli imperdibili di storielibere.fm, poi ho fatto la prova gratuita con audible, e infine mi sono innamorata di storytel.
vado a correre: storytel
vado a lavoro: storytel
prima di addormentarmi: storytel
mentre aspetto che bolla l'acqua per la pasta: storytel
mentre aspetto che cuocia la pasta: storytel

su storytel ho ascoltato tantissimo. e ora che per il black friday c'è l'abbonamento in offerta a due euro al mese per due mesi, non posso che invitarvi a iscrivervi immediatamente. (offerta valida fino all'uno dicembre)

ecco i miei consigli di ascolto (o di lettura in ebook o cartaceo in base alla disponibilità)


per bambini

  • vera voglio contro la regina di inghilterra di sarah rossi
  • ronnie rondella e la fiera della scienza di daniele nicastro
questi librini appartengono a una serie molto carina di cui probabilmente sono belli tutti. i progtto è italiano, gli autori sono italiani, l'ambientazione è italiana. ogni libro ha come protagonista il membro di una classe delle elementari. quindi in ogni libro compaiono come co-protagonisti o comparse anche gli altri


in inglese (ma dei titoli sottolineati è disponbile anche l'edizione italiana): 

  • grit di angela duckworth è un saggio che spiega come il successo sia poco legato al talento e molto legato al grit, alla grinta, alla determinazione, alla resilienza, all'impegno, alla costanza, alla volontà. tanti esempi, tanti studi scientifici per dire che ci piace da morire la storia del genio, del talento nato... ma alla fine la realtà ci racconta una storia molto diversa: il talento fa poco o niente se non è supportato dall'intenzionalità
  • not my father's son di alan cumming è la biografia di questo attore (molto conosciuto per aver interpretato il ruolo di ely gold in the good wife). racconta il suo rapporto con un padre tremendo, violento, narcisista.
  • how to be everything di emilie wapnick: è un manuale dedicato ai multipotenziali, alle persone che hanno tante passioni diverse e cambiano idea su quale strada perseguire in base alla voglia, alla noia, all'ispirazione. spiega come le persone che si appassionano a tanti temi diversi possono trovare un modo soddisfacente e redditizio per vivere serenamente e conciliare tutti i diversi interessi.
  • becoming di michelle obama è un'autobiografia molto interessante che racconta le difficoltà, la fatica, gli ostacoli, i traguardi raggiunti dalla ex firts lady americana.
  • patrimony di philip roth è l'unico romanzo autobiografico di questo famoso e prolifico autore. racconta la malattia e la morte dell'amato padre in modo a tratti commovente a tratti cinico.
  • no one is too small to make a difference di greta thunberg è un librino smilzo e molto ripetitivo che raccoglie i discorsi più imporatnti di greta thumberg. da ascoltare per imparare a pronunciare il cognome :)
  • everything is figureoutable di marie forleo: è un libro di crescita personale tra i meno fuffosi che abbia letto. trasmette molta energia, voglia di fare, l'impressione di potercela fare comunque senza piangersi addosso e senza dare la colpa al mondo cinico e baro là fuori. invita a concentrarsi sulle cose di cui si ha il controllo e ad agire su quelle per sentirsi padroni della propria vita e non vittime degli eventi. 
  • atomic habits di james clear adoro l'autore, il libro uscito un anno fa è già stato tradotto in venti lingue (tra cui l'italiano) ed è in corso di traduzione in altri venti paesi. qualunque obiettivo vogliate raggiungere, questo libro vi spiega come fare creando un sistema di abitudini solide e affidabili per cambiare la vostra vita un'azione per volta. una vera bibbia. 

in italiano

  • nina sente di claudia de lillo (alias elasti - non solo mamma) adoro lei, seguo tutte le sue storie su instagram e in particolare quelle tutte simili delle 5 del mattino, quando arriva alla sede rai dove registra il programma caterpillar, di cui è una delle voci. ho adorato ascoltarla leggere il suo romanzo e quando fa l'accento barese è ancora più meravigliosa.
  • la corsara di sandra petrignani è un libro sulla vita di natalia ginzburg. natalia è una delle mie autrici-ossessione e questo libro meraviglioso mi ha permesso di scoprire cose sulla sua vita che non sapevo.
  • tutte le ragazze avanti curato da giusi marchetta è un libro sul femminismo pensato per ragazze.
  • l'incredibile viaggio delle piante di stefano mancuso letto da paolo giordano. non sapevo niente di piante, non me ne sono mai interessata, ma questo libro è meraviglioso, pieno di curiosità e la voce di giordano (autore che io adoro) rende il libro ancora più interessante

in esclusiva per storytel

  • hummus - l'islam per principianti: spiega la cultura musulmana attraverso le parole chiave che spesso sono fraintese o non conosciute
  • cinesi d'italia: racconta come, quando, perché sono arrivati i primi cinesi in italia, come hanno costruito le loro comunità, di cosa si occupano.
  • parole per farlo di annamaria anelli parla di come usare le parole in contesti professionali, per raccontare se stessi, il proprio percorso, i propri fallimenti, la maternità...
  • donne come noi: racconta il ruolo delle donne in diversi settori di solito maschili come il calcio, la cucina stellata, l'architettura. bei ritratti di donne e storie di riscatto e di ricerca della parità.


se avete consigli di ascolto non lesinate. se vi contagio con la droga degli audiolibri fatemi sapere. questo il link per provare storytel per due mesi a due euro al mese (offerta valida fino all'uno dicembre).
NB: non è un link di affiliazione, non mi pagano, non ci guadagno niente, sono solo consigli spassionati

domenica 24 novembre 2019

il corso di grafica



a settembre, con tutte le migliori intenzioni, mi sono iscritta a un corso di grafica che sarebbe partito di lì a qualche settimana.
il corso è iniziato a metà novembre ma, per l'impossibilità di conciliarlo con gli orari di lavoro, ci ho rinunciato.
per trasformare la delusione in carica propulsiva, ho cercato un libro di grafica che mi aiutasse comunque a migliorare le mie competenze in autonomia.
ho quindi letto il libro "imparo l'arte della grafica". un manuale per principianti che spiega esattamente cosa devi guardare e come lo devi guardare quando stai realizzando una copertina, un volantino, il menù di un ristorante, un biglietto da visita.
ti insegna a ordinare le informazioni nello spazio, a metterle in relazione tra loro, a far risaltare le cose più importanti, ad abbinare i colori e le font.
galvanizzata da tutto questo bagaglio di nuove informazioni e strumenti, mi sono messa al pc a realizzare delle nuove copertine, più consapevoli, per i miei romanzi disponibili gratuitamente su wattpad (sto parlando di "bravissima a farmi del male" e "mamma, ti odio", due romanzi per giovani adulti, con protagonisti adolescenti scritti quasi dieci anni fa, che non sono quindi stupendi, ma nemmeno da buttare).
se mi seguite su facebook, o su instagram, nei prossimi giorni troverete dei sondaggi per aiutarmi a scegliere le nuove copertine.

ps: se volete leggere quel libro di grafica non leggetelo su un ereader in bianco e nero, altrimenti non capirete niente di tutta la parte sui colori. parlo per esperienza diretta ;)