giovedì 8 marzo 2012

parvenue

e poi, con solo due ore di anticipo sull'orario di inizio, ti regalano due biglietti  del valore di ottanta euro l'uno per vedere, alla staatsoper di vienna, un balletto.
e tu ovviamente accetti. solo dopo ti rendi conto che non hai niente da metterti di diverso da jeans e felpa. che hai i capelli lerci ma non il tempo per lavarli. che non sei mai andata a vedere un balletto in vita tua, a meno che vedere le esibizioni di leon ad amici di maria de filippi possa avere qualche valore a riguardo.
e quindi niente, io e il matematico siamo andati a vedere un bel balletto di cui mi sono piaciuti soprattutto i primi venti minuti, su musica di philip glass, più moderno e corale rispetto agli struggimenti amorosi sulle punte ballati sui notturni di chopin da solo due ballerini.
cosa non si fa per poter pronunciare, e scrivere, la parola parvenue in modo pertinente...

1 commento:

Cecilia Christine ha detto...

Il dilemma dei capelli luridi ... Pensando a questo post sono corsa a lavarmeli, perché oggi devo fare 3000 cose e sono sicura che subcherà fuori qualche inaspettata occasione a cui direi di no se avessi i capelli zozzi!