lunedì 11 dicembre 2017

presto che è tardi

non so perché mi ostini a partecipare ai concorsi di scrittura. incappo in un bando che mi ispira e... decido di partecipare.
a volte ho l'impressione di farlo più per scrivere, che per l'oggettiva possibilità di vincere qualcosa.
e forse tutta questa proattività è dovuta anche alla nuova prospettiva da cui cerco di guardare i rifiuti: non più come un giudizio negativo su di me ma come una normale fase interlocutoria, come la dimostrazione di essermi esposta alla possibilità di un sì.

quelli qui di seguito sono solo 3 dei concorsi in cui sono in gara:

* la venticinquesima ora: organizzato dalla scuola di scrittura belville di milano. bisognava scrivere un racconto a tema in 25 ore. il tema veniva rivelato alle 23 del 2 dicembre e entro le 24 del 3 dicembre bisognava consegnare un racconto di due cartelle. il 18 gennaio decreteranno i vincitori, in palio servizi di editing e corsi di scrittura.
* 8x8: partecipo tutti gli anni da almeno quattro anni. due miei racconti scartati nelle edizioni precedenti sono stati pubblicati proprio nelle settimane scorse, su due diverse riviste.
* scrittori pigri: partecipo con un piccolo racconto sul plagio. si può leggere  votare su facebook qui

conto di partecipare a un concorso per scrittori friulani che scade a gennaio, pensavo di partecipare al concorso kobo ma la scadenza è tra sei giorni e al romanzo che volevo presentare mancano 30.000 battute, domani scade un concorso per racconti a tema futuro cui mi sarebbe piaciuto partecipare con un bel pezzo alla black mirror, sei mesi fa pensavo che avrei presentato un romanzo sulla corsa al concorso letterario ewwa, che scade a fine mese (inutile dire che nel frattempo non ho scritto alcun romanzo, tanto meno un romanzo sulla corsa).
alla fine sono più i concorsi a cui non partecipo che quelli a cui partecipo, però è il pensiero che conta, no?!

PS: non dimenticate di votare il mio racconto su facebook qui

domenica 3 dicembre 2017

telethon, photoshop, il lavoro da casa e altre amenità

sono stata completamente risucchiata dal lavoro: da tre settimane scrivo testi pubblicitari di natale per ristoranti, erboristerie, pasticcerie, negozi di casalinghi, di giocattoli, di intimo, di ottica...
il che è fantastico, se non mi ritrovassi a lavorare anche a orari improbabili come le sette e un quarto del mattino di sabato o le dieci di sera. a volte staccando solo per far pipì. e spesso non staccando nemmeno di notte: quando l'incubo di aver sbagliato le impostazioni di luogo, di spesa, di durata mi assale.

il tempo per leggere e scrivere si è ridotto a zero. non ho ancora mandato la newsletter di novembre, non sto aggiornando il blog, ho abbandonato al loro destino aria su wattpad e il racconto per gli scrittori pigri.
da almeno una settimana non leggo nemmeno una pagina.

al corso di photoshop ho visto fare cose meravigliose, peccato che non abbia imparato a farne nessuna. oggi volevo solo cambiare le dimensioni di un'immagine: da 26x26cm a 12x12. non sono stata in grado di farlo. le mie doti di grafica lasciano a desiderare. (come si nota dall'immagine qui sopra: ho aggiunto il logo telethon scontornandolo da un file jpg, ma non sono stata in grado di eliminare quel riquadro più chiaro che mi ricopre mezza faccia)

oggi, dalle 14 alle 15, correrò per telethon. per ogni km corso verranno donati 5 euro alla ricerca. spero di riuscire a donare almeno 55 euro, 60 sarebbe possibile se ieri non fossi tornata alle 2 e 30 del mattino dopo essere stata al concerto di caparezza, se avessi un ginocchio meno acciaccato, se seguissi un'alimentazione più consona.

lunedì 20 novembre 2017

come con i piattini cinesi


prima non mi occupavo della mia scrittura. non facevo niente, stavo lì a guardare le statistiche di amazon per l'unico libro autopubblicato che avevo.
poi mi sono scatenata e adesso mi sembra di avere mille piattini cinesi da far girare tutti contemporaneamente:

* su wattpad continuo ad aggiornare "aria e altri coccodrilli" con curiosità e aneddoti: leggi qui
* oggi mi hanno intervistato per il blog the pink cafè: leggi qui
* "ti voglio bene lo stesso" è tra i 7 libri che si possono vincere con un giveaway su fb: qui il regolamento
* ho scritto un racconto breve per poter vincere un laboratorio di scrittura: leggilo e votalo qui su fb
* la collaborazione con il blog youcanprint continua con nuovi articoli che parlano di scrittura e promozione: leggili qui


non serve che vi clicchiate tutti i link. l'unico che mi farebbe davvero piacere apriste è quello per votare il mio racconto (c'è tempo fino al 15 dicembre).

venerdì 17 novembre 2017

amore che torni

il giorno in cui esce un nuovo cd dei negramaro, per me è meglio della mattina di natale.
oggi mi sono svegliata presto, mi sono precipitata su amazon.it, ho acquistato le 12 tracce MP3 che compongono "amore che torni", in un lampo le avevo anche nello smartphone (meravigliosa magia! e grazie al buono amazon regalato dalla mamma del matematico).

mi sono messa le scarpe da corsa e via, con i negramaro nelle orecchie.
ero così felice che durante tutta la prima traccia ("fino all'imbrunire") canticchiavo e sorridevo e saltellavo!

il cd "amore che torni" dura il tempo di un warm-up + 6km di corsa + un cool-down. come sempre, al primo ascolto, il cd non mi è piaciuto. ma so già che lo riascolterò decine di volte, lo imparerò a memoria, e diventerà parte della mia vita, farà da colonna sonora a questo periodo e sarà bellissimo.

certo ha un clamoroso difetto: l'ultima traccia si intitola "ci sto pensando già da un po'" con l'accento sulla o. del resto felicità non ha nulla a che fare con perfezione. sono certa che ci siano migliaia di aforismi sul tema.

venerdì 10 novembre 2017

cavallo fumoso

vicino casa, a un prezzo stracciato, per una sera a settimana, per dieci settimane, fanno un corso di photoshop, cui io mi sono prontamente iscritta.

ieri, dopo la prima lezione in cui ho prodotto questo magnifico cavallo fumoso unendo tre immagini distinte (in principio c'erano la foto del muretto, la foto del cavallo, e la foto del fumo), ero felicissima: mi sentivo un mago di photoshop.

poi, oggi, è capitato che per lavoro dovessi modificare leggermente il logo di un cliente e ho impiegato un'ora per fare una cretinata.
ma ci sono ancora nove lezioni. sono certa che alla fine del corso riuscirò a produrre una copertina fighissima per "aria e altri coccodrilli" che per ora si deve accontentare di una veste brutta e mortificante che non rende affatto giustizia alla storia.