sabato 24 settembre 2016

di come il 23 settembre si sia inaspettatamente rivelato il giorno migliore di sempre

ho trovato lavoro. e non un lavoro di ripiego, tipo la cameriera, giusto per portare a casa la pagnotta e sentirmi parte attiva della società.
ho trovato un lavoro che mi piace sul serio, con un capo veramente in gamba, brillante, capace, da cui ho solo da imparare.
in questi due mesi ho mandato il curriculum per candidarmi a qualunque lavoro: banconista, segretaria, commessa, cameriera, hostess.
ho inviato solo due cv per lavori che avrei voluto fare davvero, e proprio quei due hanno portato a un colloquio. il primo era il posto di commessa nel reparto libreria di una catena di supermercati, il secondo era per un lavoro creativo in una startup che si occupa di pubblicità on-line.
per il lavoro di commessa non mi hanno più richiamata.
mi hanno presa per realizzare campagne pubblicitarie scrivendo i testi e armonizzandoli con le immagini.
il contratto è quello che è, e lo stipendio deve essere guadagnato sul serio, ma ehi!, ho un lavoro, e mi piace!
[visto che piove sempre sul bagnato il giorno in cui ho trovato IL lavoro mi risponde l'ufficio di collocamento cui avevo scritto due mesi fa, per poter essere inserita in un progetto di orientamento lavorativo e, come se non bastasse, mi chiamano per un altro colloquio.]
e già questo poteva essere sufficiente a rendere la giornata di ieri la migliore degli ultimi sei anni almeno.
arrivata a casa ho aperto la cassetta della posta e... sorpresa! ho ricevuto il braccialetto giallo che vedete in foto. lo so, è solo uno stupido braccialetto di plastica dal colore discutibile (ma qualunque cosa non sia azzurra, per me, ha un colore discutibile) e dal valore economico vicino allo zero, ma ha un valore simbolico fortissimo: è il segno di riconoscimento dei "runlovers" gli amanti della corsa. appartengo al gruppo FB da diversi mesi e sono diventati il mio punto di riferimento e la mia motivazione. c'è anche da dire che me lo sono sudato: è arrivato il giorno dopo il mio lungo più lungo di tutti: 30 chilometri sofferti, di cui gli ultimi arrancati e strisciati. ma li ho portati a casa! (giunta a questo punto mi sembra davvero utopico pensare di poter correre i 42 km della maratona, ma ci lavorerò!)
aspettavo questo braccialetto da mesi, me l'avevano promesso a fine luglio ma è arrivato solo ieri, il giorno migliore di sempre.
la giornata avrebbe potuto finire qui, è sarebbe stata comunque a dir poco notevole. ma no, ciliegina sulla torta è giunta la prima recensione a "chi primo arriva all'altalena". e non è la recensione di un'amica che, per quanto sincera, puoi sempre pensare che sia comunque indulgente e viziata dall'affetto. è la recensione assolutamente spontanea di una lettrice che non conosco, e mi ha commossa!

poi ci sono stati altri microeventi piacevoli (il bicchiere azzurropillin nella pizzeria in cui ho festeggiato la giornata, il messaggio di un'altra lettrice, i complimenti di mia zia - sempre per il libro) e insomma: più 23 settembre per me, e per tutti!

mercoledì 21 settembre 2016

5 curiosità sul romanzo "chi primo arriva all'altalena"

grazie alla tempestività di amazon "chi primo arriva all'altalena" è già disponibile per il download gratuito a questo link. (o almeno credo, questo post è stato programmato e non posso verificare che tutto sia filato liscio)
io nel frattempo mi sto facendo prendere dall'ansia: piacerà? avrà recensioni positive? e se non piacerà? e se nessuno lo leggerà? e se tutti diranno che fa schifo? e se sono rimasti dei refusi? e se la biografia non va bene? e se... e se...
qui sotto vi lascio 5 cose da sapere su questo romanzo

1. questo romanzo (non) è autobiografico
sono autobiografici i riferimenti alle città in cui si svolge la vicenda, ho avuto davvero un calendario di escher, ho acquistato davvero un test di gravidanza (che si è rivelato negativo), le sembianze fisiche di tristano sono quelle del matematico, e anche il dolcevita giallo polenta è suo. la descrizione della mansarda torinese è reale, e chi ha letto questo blog dall'inizio probabilmente la riconoscerà.
tuttavia, questi dettagli presi dalla mia vita sono inseriti in una storia di pura finzione.

2. questo romanzo è stato scritto in tre mesi circa
l'ho scritto d'inverno. camminando molto lungo il donaukanal. la prima stesura è stata piuttosto compatta e di getto. credo di aver scritto prima tutta la parte riguardante tommaso, e solo poi di averla intervallata con le parti riguardanti tristano. ma è passato così tanto tempo che non ne sono nemmeno sicura.

3. prima di essere autopubblicato, questo romanzo è stato inviato a una decina di editori
giunti, indiana, vandaepublishing, fazi, nottetempo, emmabooks, baldini e castoldi, einaudi (ahahah, oddio che presuntuosa!)
l'ho anche mandato all'agenzia grandi e associati, per la collana indies GeA, che mi ha chiesto dei soldi per la valutazione del manoscritto (tiè), all'agenzia malatesta, che mi ha chiesto di rivederlo, ma nonostante l'editing ha deciso di non rappresentarmi, e all'agenzia meucci (che ha un sistema di invio surreale: accettano solo un numero limitato di proposte che devono essere inviate alla mezzanotte dell'ultimo giorno del mese: a mezzanotte e cinque hanno già raggiunto il limite di manoscritti).

4. ho scritto questo romanzo ascoltando damien rice
e alcuni frammenti delle sue canzoni, liberamente tradotti, sono finiti nel testo.
all'epoca non era ancora uscito l'album my favorite faded fantasy, per cui gli omaggi sono tratti dai suoi cd precedenti.

5. questo libro ha cambiato titolo un sacco di volte
si è chiamato "dopo te" e "l'ultima cosa che restava di te"
ma avrebbe potuto anche chiamarsi:
"come prima dell'addio"
"ricominciare a contare"
"perché era delicato"
"e la tua bocca, la tua bocca, la tua bocca"
"quando le tue labbra baciano un'altra bocca"
"e allora smetterai di mancarmi"
"cosa resta di te?"

ho ammorbato almeno 6 persone diverse in tre o quattro periodi diversi con la scelta del titolo. e a ognuno degli interpellati piaceva un titolo diverso, sia che il libro l'avessero letto sia che non l'avessero letto.

all'inizio avevo in mente persino di pubblicare con pseudonimo.
per non parlare della copertina: l'immagine che apre questo post è l'altra faccia che questo libro avrebbe potuto avere.


detto questo, prometto di non ammorbarvi mai più con questo romanzo.
se potete, scaricatelo ora che è in promozione gratuita;
se non vi piace, nessuno vi costringe a leggerlo: siete autorizzati a mollarlo in qualsiasi momento (se volete solo sapere come va a finire, ve lo racconto in privato);
se potete, lasciate una recensione;
se vi piace, consigliatelo.
in ogni caso, grazie se vorrete dare una possibilità a questa storia.

martedì 20 settembre 2016

chi primo arriva all'altalena

dopo quasi tre anni di gestazione, ripensamenti, patemi, dubbi, scoramenti, entusiasmi... esce tra pochi giorni il romanzo "chi primo arriva all'altalena".
sarà un ebook autopubblicato su amazon.
la copertina è quella che vedete qui accanto.
avrei voluto trovare un editore per questo libro, ma non ci sono riuscita. ho deciso quindi di dargli una possibilità scegliendo di fare da me.
un po' lo detesto, perché implica un'arroganza che non credo mi appartenga. non sono mai stata del parere che tutto ciò che viene scritto meriti di essere pubblicato e letto.
d'altra parte mi piace crede che questa storia abbia un senso e possa trovare dei lettori capaci di apprezzarlo.
quindi, tecnologia permettendo, il libro sarà disponibile dal 22 settembre, e resterà in promozione gratuita per i primi 5 giorni.
mi piace l'idea che le persone che leggono questo blog possano averlo in regalo, una sorta di "premio fedeltà".
ho scelto come data d'uscita il primo giorno d'autunno perché è un libro piuttosto malinconico, come credo traspaia dalla copertina.
nei prossimi giorni vi racconterò qualche retroscena, la trama, i personaggi, i luoghi.
e ovviamente sarete avvertiti non appena sarà disponibile.
per saperne di più, clicca qui.

sabato 17 settembre 2016

la mia pordenonelegge

pordenonelegge, per me, è iniziata mercoledì, con un'assenza. 
avrei voluto essere alla presentazione del manuale di scrittura "le 23 regole per diventare scrittori", ma nel pomeriggio avevo un colloquio di lavoro e ho lasciato perdere.
giovedì ho recuperato con "il rinomato catalogo walker & dawn". mi sono intrufolata all'incontro fingendo di essere un'insegnante.
sabato è stata una vera e propria full immersion nella letteratura per ragazzi: ho partecipato quasi solo a incontri destinati ai ragazzini delle scuole medie. ho visto annalisa strada con "ok panico", la carismatica e stupenda chiara carminati con le sue "sette arti in sette donne", lo psicoterapeuta alberto pellai con "girl r-evolution".
la sera sono andata a sentire andrea bajani con il suo nuovo romanzo "un bene al mondo" e questo è l'unico incontro per adulti cui ho partecipato. 
bajani, per me, è l'autore di un racconto inserito nella raccolta "la vita non è in ordine alfabetico", che non ho letto e di cui conosco solo questo pezzetto:

"e ti sembra di essere prigioniera dentro una di quelle palline trasparenti con la sorpresa che desideravi da bambina. vorresti che qualcuno - proprio ora - mettesse la moneta e girasse la manopola. e dopo prendesse la pallina, la rompesse, e ti tirasse fuori".

e in questo pezzetto c'ero io.

la mia pordenonelegge finirà domani, con un'assenza: non andrò alla presentazione di "io sono zero" di luigi ballerini per correre la mia prima garetta (di soli sei chilometri).

sabato 10 settembre 2016

la torta all'acqua

sono sempre stata una golosa. adoro i dolci e ne mangerei in continuazione. la base della mia piramide alimentare sarebbe il cioccolato.
poi, a maggio di quest'anno, per motivi di salute, ho eliminato il più possibile tutto ciò che contiene zucchero: biscotti, merendine, cioccolato, gelati confezionati e come risultato ho avuto un netto miglioramento nei tempi della corsa.
così, ora, pur non avendo risolto il problema che mi ha convinta a eliminare i dolci, continuo a non mangiarne, se non in occasioni particolari tipo compleanni (dove cerco comunque di limitarmi a una fetta piccola - evitando il bis che invece fino a pochi mesi fa mi sarei concessa senza problemi).
sulla scia di questa scelta ho provato a realizzare la torta all'acqua al cioccolato. sì, lo so, sembra una cosa blasfema, è una torta nel cui impasto non ci sono uova, né burro, né latte, e viene quindi da dirsi che piuttosto di una torta del genere, è meglio lasciar perdere.
invece, sorprendentemente, è una torta buonissima.
con questa ricetta e dell'ottimo cioccolato fondente di modica, mi è riuscita soffice e profumata.
peccato solo che contenga 200 grammi di zucchero e questo post sia totalmente insensato.

venerdì 2 settembre 2016

una repubblica fondata sul lavoro... a cazzo di cane

io e il matematico, riflettendo sull'italia, dopo sei anni a vienna, ci siamo fatti l'idea che l'italia è una repubblica fondata sul lavoro "a cazzo di cane".
è tutta un'approssimazione: ti dicono "facciamo oggi e bene" e fanno dopodomani male o malissimo, ti dicono un prezzo ma è sempre trattabile, ti dicono "arrivo alle 3" e arrivano alle 3 e 40. è tutto un sì, vabbè, cosa vuoi che sia un po' di ritardo, ci vuole flessibilità, vedrai che ci accordiamo, combiniamo.
la dimostrazione che le cose sono fatte a cazzo di cane si vede persino negli annunci di lavoro (la foto è di un annuncio vero, di qualche giorno fa!).
c'è da chiedersi come siano i candidati che rispondono a questo tipo di offerte di lavoro.
avranno le piaghe?


la vicina ideale

sul nostro pianerottolo si aprono le porte di altri tre appartamenti.
uno è quello in cui ho provato a fare irruzione il primo giorno, spaventando a morte l'inquilina.
uno è quello con il passeggino davanti alla porta.
uno è quello della vicina ideale. l'ho capito uno dei primi giorni, quando fuori dalla sua porta ho visto un paio di scarpe da corsa. e non un paio qualsiasi, bensì un paio di brooks, che è anche la marca delle mie scarpe da corsa.
in queste settimane ho intravisto la vicina ideale una manciata di volte, e mai in tenuta da running. solo ogni tanto comparivano le sue scarpette e io, ogni volta che le vedevo, mi ripromettevo di suonare al suo campanello e presentarmi. ogni tanto lasciavo fuori dalla porta le mie scarpe, perché le vedesse e provasse la stessa sorellanza.
poi, vuoi per pudore, vuoi per paura di disturbare, per la fretta, per timidezza... non l'ho mai fatto.
ieri però l'ha fatto lei. ha suonato al nostro campanello per chiedere in prestito una scaletta per cambiare una lampadina. e io, oltre alla scaletta, le ho riversato addosso un sacco di domande: corri? quanto? dove? la maratona? anch'io mi sto allenando. sei iscritta a una società? quale? usi integratori?
stavo per chiederle se facesse esercizi per il core o di potenziamento per le gambe quando ha detto di non potersi intrattenere oltre.
mi sa che io non ho fatto la figura della vicina ideale.

mercoledì 31 agosto 2016

silenzio

ieri, inaspettatamente, in una piazza gremita di gente, ho incontrato lo sguardo di una persona che non vedevo da più di dieci anni.
capita, quando torni nei luoghi in cui sei cresciuto, di incappare in persone con cui hai condiviso pezzi di vita e di cui poi hai perso le tracce.
sono incontri che mi imbarazzano molto, perché in fondo mi vergogno della persona che sono diventata, delle scelte che ho fatto, di non avere un lavoro stabile, di non aver (ancora) realizzato il mio sogno di scrittrice come volevo, e ho timore a rivelare chi sono ora: una donna smarrita, infelice, che si chiede com'è arrivata a 34 anni senza accorgersene e senza combinare alcunché.
e quindi ieri, quando ho visto questa persona, che nell'adolescenza ho molto amato, ho distolto lo sguardo.
all'epoca il mio concetto d'amore era struggermi e scrivere lunghe lettere. più lettere scrivevo e più amavo. la mia misura dell'amore era l'inchiostro versato (e pure le lacrime e la cioccolata ingerita).
è stato quindi per lo più un amore impossibile, platonico e non corrisposto.
e quando ieri ho visto lui, il destinatario di tutte quelle lettere, mi sono spaventata, e nascosta e ho pensato con un guizzo sadico che mentre io sono diventata sottile, tonica e sportiva (più prosciugata, che sana), lui è ingrassato, si è appesantito; così ho lasciato che l'apparenza e il silenzio gli facessero credere che sto bene, che sono bella, migliore, felice, appagata, serena quando invece, se solo mi fossi fermata un istante a dirgli "ciao", avrebbe forse intravisto tutto quello che non avrei mai voluto ammettere.
non ricordo istante di silenzio più denso di parole.

martedì 23 agosto 2016

idoneità all'atletica leggera

tra le tante cose che non so fare c'è quella di tenere il tempo.
tutti battono le mani a ritmo e io faccio finta. proprio non sono capace, non lo sento. dopo un paio di battute sono già completamente fuori dal coro.
per fortuna non ho ambizioni da musicista, piuttosto ho ambizioni da maratoneta. e sorprendentemente, le mie lacune musicali avrebbero potuto stroncare sul nascere il mio futuro di podista.
quando oggi sono andata a fare la visita medica per il certificato di idoneità all'atletica leggera pensavo che sarei stata in imbarazzo per il fatto di essermi persa per arrivare in ambulatorio, pur avendo le indicazioni di google maps sotto il naso, per il fatto essere mezza nuda davanti al medico, per la depilazione non impeccabile, ma non perché non so tenere il tempo.
il fatto è che l'esercizio per l'elettrocardiogramma sotto sforzo consiste nel salire e scendere da un gradino di 90 centimetri per tre minuti, ma non al ritmo che vuoi, al ritmo di un metronomo, che è un ritmo forsennato che non sarei riuscita a tenere nemmeno con le mani, figuriamoci con i piedi.
nonostante tutto, sono un'atleta.

domenica 14 agosto 2016

sanpietrini

negli ultimi dieci anni di coabitazione con il matematico non ho mai avuto una casa che avesse un forno vero. ho cucinato pizze e dolci al microonde e persino in padella, con risultati discutibili.

nella nuova casa, finalmente, abbiamo un forno vero, in cui ogni venerdì cuocio un'ottima pizza e in cui ieri ho provato a cuocere dei biscotti.
non dei biscotti a caso, ma dei cookies americani con le gocce di cioccolato che sarebbero dovuti risultare soffici e gommosetti (soft baked in lingua originale, fiappi in dialetto). 
sono dei biscotti che il matematico ha scoperto e imparato ad apprezzare nel 2008, durante i suoi sei mesi di vita a berkley - california.
ho quindi cercato una ricetta, convertito cups, tea spoons e inches in grammi e centimetri e quindi impastato e infornato.
il risultato sarebbe dovuto essere questo
a me sono usciti questi bei sanpietrini.



venerdì 29 luglio 2016

lettera E

 “Perché devi essere sempre così estrema?” mi hai chiesto. Ma più che una domanda, o una domanda retorica, sembrava un'accusa, un insulto. L'hai detto come avresti detto: “Sei così fuori luogo/inopportuna/sgradevole.” Come se essere estrema fosse un difetto imperdonabile, motivo di imbarazzo.
Ho cercato sul vocabolario il significato della parola estremo e sul dizionario etimologico anche la sua origine. Volevo avere la certezza che essere estremo è una cosa bella, nonostante te, nonostante i tuoi giudizi lapidari e impietosi.
E allora forse per te sono estrema come l'estrema unzione e l'ora estrema. Sono gesto estremo ed estremo saluto. Ma se fossi così estrema dovrei essere morta.
Per te sono il male estremo, per cui servono estremi rimedi, sono quella che passa da un estremo all'altro, che vede solo il bianco o il nero, impossibile da seguire. Quella senza un filo logico.
Invece io mi sento sport estremo, che emoziona e porta al limite. Ma anche estremo difensore, quello che ha la responsabilità di salvare tutti. Mi sento affascinante e meravigliosa come l'estremo oriente.
Perché in fondo, io sono l'aggettivo estremo, e l'aggettivo in sé non è né bene né male. Potrei essere gioia estrema ed estremo piacere, desiderio estremo. L'aggettivo non fa altro che amplificare le qualità del sostantivo che ha accanto. E se tu sei il mio sostantivo è con te che devi prendertela. Se sei uno schifo, con me sarai soltanto uno schifo estremo. Sei sei un bastardo, avrò accanto un estremo bastardo.
Ma io voglio essere estrema bellezza, estrema sensualità, estrema grazia, estrema simpatia ed estrema intelligenza. Ed è con una risata estrema, di quelle che tolgono in fiato, che fanno venire mal di pancia e lacrime agli occhi che ti ringrazio per avermi portato a questa consapevolezza e ti saluto.

Farò l'aggettivo accanto a un sostantivo che mi renda estremamente bella.


In Busta Chiusa n. 5 un progetto di Cartaresistente 
Lettera E di Silvia Pillin 
Illustrazioni di Davide Lorenzon

giovedì 28 luglio 2016

l'arsenale

sotto al lavandino del nuovo appartamento abbiamo trovato un vero e proprio deposito di armi chimiche: 22 flaconi di detersivi. VENTIDUE!
3 bottiglie di ammoniaca, di cui due ancora sigillate e una quasi piena
2 bottiglie di candeggina ACE, una da cinque litri e una da un litro
1 prodotto per il parquet
1 detersivo per pavimenti
1 bottiglia di alcool denaturato
3 diversi prodotti per il bagno
2 viacal, uno con il diffusore a spruzzo e uno no
2 anitra wc, di cui uno di sottomarca
2 detersivi per la lana
1 prodotto per far brillare l'acciaio
1 spruzzino per i vetri
1 chanteclair sgrassatore
1 liquido cura lavastovoglie
e altra roba che ora non mi sovviene.
ora, è vero che non sono una perfetta donna di casa, per usare un eufemismo, ma spero di non usare tutti quei prodotti nemmeno nell'intero arco della mia vita, non perché voglia una casa sporca, ma perché penso a quanto inquinino tutti quegli agenti chimici.
e mi viene un dubbio: non è che quella è la dotazione normale di ogni massaia?
e se così fosse, a che diavolo servono tre bottiglie di ammoniaca?

mercoledì 20 luglio 2016

9 problemi della mia nuova vita

quando cambi casa, città e nazione la quotidianità diventa un campo minato e tutto quello che prima era scontato, improvvisamente si trasforma in un problema.
ecco i miei attuali problemi:

1. il nuovo posto per correre è un parco che ha un circuito di circa 800 metri. oggi in 40 minuti ho fatto 10 giri. per me, che ero abituata a correre non meno di un'ora per volta lungo il magnifico danubio è un trauma non indifferente.

2. buttare le immondizie è un'impresa. nella zona in cui abito è previsto il ritiro dei rifiuti porta a porta secondo un calendario prestabilito. in teoria il nostro condominio dovrebbe aver predisposto una stanza per la raccolta. in pratica, nonostante abbia setacciato le cantine in lungo e in largo, non sono stata capace di trovare i bidoni. la buona notizia è che ho ritirato allo sportello dedicato tutti i sacchetti (nero per l'indifferenziato, giallo per la carta, blu per la plastica, bianco per l'umido)

3. quando arrivo nella mia via non mi accorgo di aver già superato il portone di casa.

4. quando esco di casa devo assicurarmi di avere con me la cartina se voglio essere certa di tornare indietro.

5. non riesco ad aprire la porta di casa né ad accendere le luci. ogni volta che infilo la chiave nella porta d'ingresso mi sento uno scassinatore, e ogni volta che con la mano tasto gli interruttori non so quali luci sto accendendo o spegnendo. comunque è un grande progresso: il primo giorno ho infilato la chiave nella toppa dell'appartamento della vicina, che terrorizzata ha chiesto chi fosse.

6. ho dei normali fornelli a gas, 4. dopo aver usato per 6 anni due piastre a induzione sono riuscita a bruciare un pentolino al secondo utilizzo: ho messo al minimo la fiamma invece di spegnerla.

7. i prodotti al supermercato sono tantissimi e sconosciuti, fare la spesa richiede il triplo del tempo, sia perché non so dove siano le cose di cui ho bisogno, sia perché una volta trovate impiego interi minuti a confrontare prezzi, marche ed etichette.

8. non ho internet in casa. verranno ad attivarci la linea tra una decina di giorni. per collegarmi devo andare in biblioteca.

9. hanno montato il box doccia nuovo e una cornetta vecchia che spara acqua da tutte le parti come in quella vecchia pubblicità della zucchetti.


martedì 19 luglio 2016

l'appartamento meno imperfetto

poiché l'appartamento perfetto non esiste, io e il matematico abbiamo scelto il meno imperfetto, più per sfinimento che per reale convinzione.
l'abbiamo visto lunedì della settimana scorsa, venerdì abbiamo firmato il contratto e sabato ci abbiamo portato parte delle nostre cose.
l'appartamento meno imperfetto è a meno di mille passi dalla biblioteca, ha la doccia invece della vasca, ha un materasso matrimoniale invece di due singoli, ha un posto auto invece che nessun posto auto, ha l'aria condizionata, l'aspirapolvere, un divano fighissimo.
l'appartamento meno imperfetto è più piccolo dell'appartamento perfetto e, cosa assai più grave, ha nel salotto il lampadario più "impegnativo"* del mondo: un coso lungo quasi due metri in ferro battuto rosso, verde e giallo, con motivi di foglie e uva che appena abbiamo visto abbiamo pensato contemporaneamente: "questo coso sparisce".
e invece abbiamo comprato la tovaglia plastificata da mettere sul tavolo proprio degli stessi colori del lampadario, perché non abbiamo coraggio di chiedere alla proprietaria di farlo sparire una settimana dopo che l'ha fatto appendere.
l'appartamento meno imperfetto è troppo piccolo e non ha una cantina in cui parcheggiare i lampadari impegnativi, tuttavia nella sua imperfezione ci piace.

* eufemismo per brutto, orrendo, inguardabile, osceno, inaccettabile.

martedì 5 luglio 2016

la residenza klimt

guardando gli annunci online, avevo trovato il mio appartamento preferito: posizione perfetta, terrazzo, bagno fico con doccia, camera matrimoniale stupenda, classe energetica A (praticamente un unicorno).

l'unico neo sembrava essere il fatto che la cucina aveva i pensili rossi.
lo so che la cosa avrebbe dovuto allarmarmi, ma se devo cedere su qualcosa, pensavo, cederò sul colore dei pensili.
quando siamo arrivati davanti a quella che abbiamo scoperto chiamarsi "residenza klimt" ho pensato che sì, quella sarebbe stata la nostra nuova casa (se vieni da vienna e la tua vita è stata permeata per sei anni da klimt in tutti i luoghi in tutti i laghi, quello non può che essere un segno smaccato del fato che ti sta indicando chiaramente la strada).
una volta entrati nel palazzo ecco un altro segno: una colonna in stile klimtiano, tutta dorata. ho salito le scale gongolando, certa che saremmo usciti di lì con la netta intenzione di firmare il contratto.
invece l'appartamento di 58 metri quadrati era così suddiviso: terrazze (due) 30 metri quadrati, bagno 10 metri quadrati, scarpiera 8 metri quadrati, camera 5 metri quadrati, cucina 5 metri quadrati.
questa irrazionale gestione degli spazi ci ha fatto desistere dato che avremmo dovuto adibire la scarpiera a libreria e comunque non ci sarebbe stato posto nemmeno per una microscopica scrivania, a meno di non collocarla sul terrazzo.
e insomma, avrei dovuto dar retta ai pensili rossi.

lunedì 4 luglio 2016

l'algoritmo

cercare casa, come traslocare, è una rottura di scatole immensa, soprattutto se mentre cerchi casa sei tornato a stare dai tuoi genitori, e tua madre nelle prime 24 ore è riuscita a mettere la maglietta della corsa, marcia di sudore, tra i vestiti puliti di tua sorella.

l'appartamento ideale ha una superficie tra i 60 e gli 80 metri quadrati, è arredato (ma non con mobili dell'ottocento stile impero), è situato tra l'università e il centro città, ha il garage, una classe energetica uguale o superiore a D, non è al piano terra né all'ultimo piano; terrazzo e cantina non sono necessari ma costituiscono un plus.
l'appartamento ideale non esiste. la maggior parte degli appartamenti ha classe energetica F o G, se hanno classe energetica alta non sono arredati, o sono di 150 metri quadri. se sono in un'ottima posizione sono arredati in modo pessimo. se sono perfetti sono dall'altra parte della città.
per capire quale degli appartamenti è più adatto alle nostre esigenze, io torno sempre sullo stesso sito, e resto imbambolata a guardare le foto dello stesso annuncio di un appartamento che mi piace moltissimo ma che è in una pessima zona e non ci abiteremo mai.
il matematico, invece, affronta la questione con il piglio scientifico che lo contraddistingue. ha creato un file excel e studiato l'algoritmo che attribuisce ad ogni appartamento un punteggio che sarà più alto per l'appartamento che racchiude in sé il maggior numero di caratteristiche positive.
insomma, facciamo che io sono quella che telefonerà per fissare gli appuntamenti e vedere gli appartamenti.

giovedì 30 giugno 2016

la mafia ungherese dei mobili regalati

poiché gli inquilini che verranno ad abitare l'appartamento che è stato mio e del matematico non sono interessati ai nostri mobili, abbiamo dovuto cercare qualcuno che si prendesse letto, divano, libreria e scrivania.
all'inizio speravamo di rivendere tutto e ricavarci almeno 300 euro. poi, giorno dopo giorno, vedendo che nessuno se li voleva prendere nemmeno a prezzo ribassato, ci siamo arresi a regalarli per non rischiare di rimetterci dei soldi. (nel trasloco da torino ci hanno addebitato 300 euro per smaltire dei mobili in perfetto stato da cui speravamo di ricavare dei soldi.)
quindi, memori della pessima esperienza, abbiamo provato a donarli a un paio di associazioni tipo caritas, che però non hanno magazzino e quindi hanno declinato l'offerta non avendo immediato bisogno di quel tipo di mobili.
alla fine ci siamo arresi a regalarli su willhaben.at, un sito frequentatissimo di vendita tra privati.
in meno di un'ora dalla pubblicazione degli annunci mi hanno contattata in 15.
e io ho deciso di puntare su alex, che mi è sembrato a istinto il più motivato, preciso, tempestivo e interessato.
con un po' di ritardo, che mi ha fatto temere di aver puntato sul classico cialtrone che promette e non mantiene, è arrivato alex munito di camioncino turchese-ungherese e di compare.
giovani, nerboruti, educati (si sono entrambi tolti le scarpe per entrare in casa) in meno di un'ora si sono smontati e portati via tutto con la professionalità di esperti addetti ai traslochi.
e ora immagino che porteranno i nostri mobili in ungheria e li rivenderanno a caro prezzo.
se vedete un divano ikea klippan blu elettrico a sopron, potrebbe essere il nostro.

mercoledì 29 giugno 2016

pensieri sparsi sul traslocare

1. traslocare è una gran rottura di scatole

2. traslocare con un accumulatore compulsivo richiede doti zen che non possiedo (ieri sera io e il matematico abbiamo litigato perché io volevo mettere nel sacco per la caritas una maglietta dell'ACR di 15 anni fa tutta lisa, e lui no. alla fine ci porteremo dietro anche la maglietta dell'acr.)

3. traslocare mi ha fatto venire in mente un romanzo che ho molto amato nell'adolescenza, si chiamava "il vangelo secondo larry", il protagonista aveva solo un numero limitato di oggetti (mi pare 70) e ogni volta che decideva di tenerne uno nuovo rinunciava a uno vecchio. essere come larry è l'unico modo per non uscire isterici durante un trasloco.


4. scrivere il contenuto delle scatole sulle scatole stesse è didascalico e noioso. ho optato per lasciare le scritte della traslocatrice da cui abbiamo comprato gli scatoloni usati e ho aggiunto descrizioni creative, giusto per complicarci la vita.

5. "non abbiamo tante cose, ci sta tutto" è una bugia. la verità è che abbiamo una marea di cose e non ci sta niente.

6. sono sicura che il decluttering è stato inventato durante un trasloco. l'avrei inventato io stessa ieri o l'altro ieri se non esistesse già.

7. fare gli scatoloni è come svuotare il mare con un cucchiaino.

8. le scatole per trasloco sembrano piccole solo se le riempi di cappotti invernali. riempite di libri le stesse scatole hanno il peso specifico dell'uranio impoverito.

9. anche se non hai figli, non collezioni mappamondi, leggi solo ebook, la quantità di roba che ti devi portare via ti sembrerà sempre troppa.

domenica 19 giugno 2016

come vedere le partite degli europei di calcio

tra la diretta delle partite su orf (il canale austriaco che ha acquistato i diritti tv) e la telecronaca in italiano delle partite stesse, c'è una voragine temporale di 14 secondi.
mentre la radio sta commentando l'azione da gol, i giocatori in tv stanno ancora palleggiando in modo inconcludente.
lo so che 14 secondi sembrano pochi, ma a quanto pare le azioni davvero significative durano molto meno; così, mentre in radio stanno già esultando per il gol, in tv non sta succedendo niente, e quando finalmente vedi il gol per cui i cronisti hanno già smesso di esultare, non riesci nemmeno ad essere contenta perché lo sapevi già che avrebbe segnato e a quel punto è molto meno emozionante.
ecco, vivere all'estero è così. tutto quello che capita ai tuoi amici e parenti succede e quando ti raggiunge ti lascia l'amarezza di quei 14 secondi di distanza, che non ti permette di essere davvero partecipe di niente.
come quando capisci una barzelletta quando tutti hanno già smesso di ridere.

mercoledì 15 giugno 2016

di bowling, banane rosse e gare di passi

il matematico beve acqua frizzante in bottiglia. invece di schiacciare le bottiglie vuote e metterle nel sacchetto della plastica il matematico le lascia in giro per la casa, soprattutto sul tavolo da pranzo, da cui spesso cadono perché urtate accidentalmente.
per scherzare gli ho chiesto se dovesse giocarci a bowling, che era un modo per invitarlo a metterle in ordine.
lui invece l'ha preso come una proposta seria, ed è così che abbiamo giocato una partita in corridoio con 10 birilli e dieci tiri, che io ho stravinto.
nella foto uno strike del matematico.


il matematico nei suoi viaggi per il mondo ha iniziato ad apprezzare il cibo "esotico". è per questo che ha comprato tre banane rosse.
la prima è stata aperta e buttata nel cestino dopo due giorni quando, guardando un video su youtube a tema, abbiamo scoperto che quelle banane erano crudissime.
ora abbiamo due banane rosse in cucina da un paio di settimane e ancora sono dure come il marmo.
a questo punto credo che ce le porteremo in italia.

questa cosa delle gare di passi ha preso un po' il sopravvento.
la settimana scorsa ho fatto più di 170.000 passi, una media di 25.000 passi al giorno. che equivalgono a più di venti chilometri a piedi, al giorno.
in questi 15 giorni ho fatto molti più passi che nell'intero mese di gennaio.