giovedì 31 dicembre 2020

sfangarla 2020




come da tradizione l'ultimo dell'anno c'è il post sfangarla, per l'ottavo anno consecutivo.


  • anche quest'anno ho scritto: meno del solito sul blog, ma forse un altro romanzo di ci vado fiera
  • anche quest'anno i libri hanno avuto un ruolo determinante: ne ho letti a decine, ma ne ho anche ascoltati moltissimi (a questo link il mio anno di libri: https://www.goodreads.com/user_challenges/20533733 ) 
  • anche quest'anno sono stata molto da sola: quasi sempre per scelta e persino più del solito
  • anche quest'anno ho corso quest'anno ho smesso di correre, ed è la cosa più preziosa che mi ha tolto la pandemia al momento
  • anche quest'anno non ho mai usato il ferro da stiro (anche se mi sento ancora in colpa per non aver stirato la camicia del matematico con cui ha sostenuto l'esame di dottorato nel 2010) 
  • anche quest'anno ho visto alcune serie tv: la mia preferita "chernobyl" 
  • anche quest'anno ho preferito dormire: all'avere un figlio, all'uscire la sera 
  • anche quest'anno ho camminato, sono andata al cinema, a teatro, a cena fuori, a mangiare un gelato quest'anno ho camminato pochissimo, ho visto un solo film al cinema "sorry we missed you", non sono mai andata a teatro, ho preso cene da fuori piuttosto che cenare fuori
  • anche quest'anno ho guardato il bagno di casa mia, lercio, e ho pensato che mia madre sarebbe inorridita (poi ho scoperto l'acido citrico, e almeno l'annoso problema calcare sul fondo del water è stato risolto)
  • anche quest'anno ho sfornato: pizze e (pochissimi) dolcini con gran soddisfazione, ma sempre da sola
  • anche quest'anno non ho sentito il ticchettio dell'orologio biologico
  • anche quest'anno la mia scrittura non mi ha portato dove volevo, ma comunque mi ha portato un bel passo avanti
  • anche quest'anno non sono riuscita a cambiare lavoro ma ho firmato il mio primo contratto di lavoro a tempo indeterminato della vita. nell'anno della pandemia, quello in cui la maggior parte della gente il lavoro l'ha perso.
  • anche quest'anno non sono riuscita a perdonare mio padre
  • anche quest'anno non ho vinto 8x8, il concorso per racconti cui partecipo da cinque anni consecutivi quest'anno non ho vinto 8x8 perché ho smesso di provarci, in compenso non ho vinto il calvino
  • anche quest'anno sono sopravvissuta a me stessa. ma è stato meno facile dell'anno scorso

se vi va, sfangate anche voi nei commenti. buon 2021 a tutti. che sia più difficile del 2020 è davvero improbabile. ma la mia prof di italiano diceva che non c'è mai limite al peggio.


1 commento:

babalatalpa ha detto...

Non sono una pessimista, attività che lascio a mia madre, però anch’io ho iniziato a pensare che non ci sia mai limite al peggio. Quindi, non mi pronuncio sulle speranze anno 2021.
Mi sembra che tu l’abbia sfangata strabene (e nel 2020 non era per niente facile): un libro e un contratto a tempo indeterminato non sono poca cosa.
Per i giorni che verranno, ci auguro di poter almeno riconquistare camminate e corse senza l’ansia di sconfinare (il fatto che nel mio comune le aree vivibili e corribili siano limitate, mi deprime un po’). Poi, ti auguro un sacco d’altre cose ma ne riparleremo nei prossimi mesi.