venerdì 27 gennaio 2012

feuerteufel

stanotte il mio palazzo è andato a fuoco.
stamattina mi sono svegliata con le narici piene di fumo. mi sono alzata e quando ho raggiunto il corridoio è stato come entrare nell'armadio di narnia e uscirne in val padana in un giorno di visibilità 2 metri. non vedevo la finestra posta all'altra estremità del corridoio.
ho spalancato tutto nel tentativo di far uscire il fumo, ma è solo entrata aria gelidissima, dato che fuori la temperatura era meno qualcosa.
ho visto che tutte le finestre delle scale erano spalancate ma non ho sentito nessuno. (che il palazzo fosse stato evacuato a mia insaputa?)
data l'assenza di fiamme, di rumori, di vigili del fuoco, di teloni su cui buttarsi ho fatto colazione e poi sono scesa per cercare di capire cosa fosse successo.
quattro piani di scale silenziose, pulite e deserte.
al piano terra una ragazza che appendeva un volantino in bacheca: "oggi è il mio compleanno e lo festeggerò con amici, mi scuso in anticipo per il baccano inusuale che uscirà dal mio appartamento in questa occasione. confido nella vostra comprensione."
le chiedo che è successo mentre vedo che la porta della mullraum (la stanza degli orrori, o meglio, lo stanzino dove ci sono i bidoni delle immondizie. i milanesi ci sono abituati, gli altri possono solo immaginare cosa sia) è spalancata. (ovviamente dati gli odori che emana la mullraum, quella porta è sempre sigillata.) dice che c'è stato un incendio (ma va?). un condomino ha buttato qualcosa di infiammabile nel bidone di plastica per la raccolta della carta. ma l'incendio è stato presto domato da suo fratello (almeno, questo mi è parso di capire), e a quel punto il pericolo era scampato. in effetti davanti ai resti dell'incendio c'era molta meno puzza di fumo che in casa mia.

un paio d'ore dopo sono uscita per l'ennesimo colloquio di lavoro (in questo ristorante italiano vogliono che sfiletti il pesce e caraffi il vino "perché sa, noi abbiamo una clientela piuttosto esigente").
in bacheca, accanto all'annuncio del compleanno ne era comparso un altro, con il disegno di un diavoletto a colori con su scritto feuerteufel. pare che i piromani siano arrivati da fuori, l'annuncio invitava i condomini a chiudere sempre la porta del palazzo.
sul tratto di marciapiede fuori dal palazzo i resti del bidone quasi completamente sciolto. nell'appartamento in cui vivo ancora puzza di fumo...

1 commento:

Lidia Pittarello ha detto...

questo è il motivo per cui non mi lamento troppo della sensibilità dell'allarme antincendio dello studentato... non riuscirei ad addormentarmi tranquillamente senza la sicurezza di un terrificante cicalino, anche se a sproposito. Nel caso mi sono munita di tappi, per non perdere l'udito lungo i 6 piani di scale che mi separano dalla strada.