domenica 17 agosto 2008

da ppp a pmt

ci si impiegano 7 ore per passare da ppp a pmt (=piccola mansarda torinese).
sette ore per passare dall'accidia alle mille cose da fare: i panni da ritirare, la lavatrice da riempire e poi la biancheria da stendere, la cena da preparare e poi i piatti da lavare.
è incredibile come le piccole incombenze quotidiane da cui mi esonero a casa dei miei mi siano necessarie per attivare anche i pensieri.
se qualcuno se lo stesse chiedendo non ho trovato nessuna catastrofe (ovvio, avevo preso le dovute precauzioni). l'anobiino che mi ha salvato dalla porta forzata, la casa allagata, l'invasione di locuste si è dovuto accontentare di un piatto di pasta al ragù (entrambe le pizzerie sotto casa erano chiuse e il frigo è deserto).
ora vado a fare la nanna, che domani mi aspetta la solita levataccia.

1 commento:

alga ha detto...

beh, insomma.
bentornata :-)