giovedì 28 maggio 2009

le ferrovie dello stato pagano della gente per viaggiare in treno senza biglietto, in modo che controllino l'operato dei controllori.
se un controllore non emette una contravvenzione, viene sospeso per tre giorni.
in inghilterra, se un treno investe una persona, tira dritto. in italia c'è l'obbligo di ricomposizione del cadavere.
i macchinisti prendono più soldi dei controllori.
se un macchinista investe una persona, viene lasciato a casa qualche giorno e viene mandato dallo psicologo.
un treno di 10 carrozze pesa qualcosa come 600 tonnellate. per fermare un treno del genere che viaggia alla velocità di 180 km orari ci vogliono circa 3 chilometri.

al ritorno ho trovato un controllore molto simpatico. l'ho aiutato a spiegare in inglese a due australiane che avevano preso il treno sbagliato e che dovevano pagare la differenza. il controllore mi ha molto ringraziato. si è giustificato della figuraccia dicendo "non parlo inglese tutti i giorni". mentre io, invece...

1 commento:

Manu ha detto...

A me i controllori fanno tanta tenerezza... dopo averli visti scortati dai carabinieri mentre controllavano i biglietti sul treno notturno Milano-Napoli, me ne fanno ancora di più.